05 febbraio 2011

[...] l'oscurità [...]

Amico, non aver paura, l'oscurità in cui ti ritrovi qui non è maggiore di quella che c'è dentro il tuo corpo, sono due oscurità separate da una pelle, scommetto che non ci avevi mai pensato, non fai che trasportare da un lato all'altro un'oscurità, e questo non ti spaventa, poco fa ci è mancato poco che ti mettessi a urlare solo perché hai immgainato dei pericoli, solo perché ti sei ricordato dell'incubo di quando eri piccolo, mio caro, devi imparare a vivere con l'oscurità di fuori come hai imparato a vivere con l'oscurità di dentro [...]


Da Tutti i nomi di Josè Saramago, ed. UE Feltrinelli, pag. 142